martedì, Novembre 24, 2020

In Evidenza

Censis: con la crisi ci sono 600mila nuovi poveri

Più di un italiano su 2 ha paura di restare senza fonti di reddito

Competitività aziende, crescono fatturato e numero di addetti

Nel 2018 il fatturato cresce del 3,8% in Italia e del 3,3% all’estero

Covid: in ottobre denunciati all’Inail 12mila contagi sul lavoro

Il nuovo report elaborato dall’Istituto conferma la recrudescenza della seconda ondata

Biden ha scelto Anthony Blinken come Segretario di Stato

A lui il compito di rilanciare il ruolo degli Stati Uniti in politica estera

Auto, a ottobre le immatricolazioni in UE calano dell’8%

Ma l'Italia è quasi stabile. FCA nei primi dieci mesi del 2020 perde il 30%

A ottobre torna in zona rossa il mercato europeo delle auto, le immatricolazioni calano a quota 953.615, il 7,8% in meno di un anno fa penalizzate in gran parte dalle nuove misure restrittive introdotte dai Governi per arginare la seconda ondata di Covid-19. Lo rileva l’ACEA, l’associazione dei costruttori europei di automobili, riferendosi ai dati dei 27 Paesi UE. L’associazione sottolinea quindi che la nuova battuta d’arresto arriva subito dopo la crescita del 3,1% di settembre.

In uno scenario simile, però, suonano quasi positivi i risultati dell’Italia che registra una contrazione decisamente contenuta, appena lo 0,2%. Gli unici paesi in cui il dato delle vendite è in attivo sono Romania e Irlanda, nei paesi maggiori invece si va dal -3,6% della Germania al -21% della Spagna, passando per il -9,5% della Francia.

Pesante la contrazione registrata dall’inizio dell’anno, le auto immatricolate sono poco più di 8 milioni, il 26,8% in meno dello stesso periodo 2019. In termini assoluti, sono state immatricolate oltre 2,9 milioni di euro in meno. In questo caso, il mercato è in contrazione in tutti i Paesi, con Svezia e Finlandia che subiscono i cali più contenuti (ma si parla in ogni caso del -16,8 e del 16,9%), e Spagna, Portogallo e Croazia quelli maggiori (-36,8% la prima, e -37,1% il secondo, addirittura -43,5% la terza). L’Italia non brilla, il calo è del 30,9%, con 1 milione e 123.194 veicoli immatricolati

In sofferenza tutti i maggiori costruttori di auto. Sempre prendendo in considerazione i dati dell’Europa a 27, si va dal -16,9% registrati dal gruppo Toyota nei primi dici mesi dell’anno (455mila veicoli) a, -42,6% della Mazda (93.500 auto circa). La FCA immatricola 525mila auto, il 30,5% in meno del 2019.

Ultimi Articoli

Censis: con la crisi ci sono 600mila nuovi poveri

Più di un italiano su 2 ha paura di restare senza fonti di reddito

Competitività aziende, crescono fatturato e numero di addetti

Nel 2018 il fatturato cresce del 3,8% in Italia e del 3,3% all’estero

Covid: in ottobre denunciati all’Inail 12mila contagi sul lavoro

Il nuovo report elaborato dall’Istituto conferma la recrudescenza della seconda ondata

Biden ha scelto Anthony Blinken come Segretario di Stato

A lui il compito di rilanciare il ruolo degli Stati Uniti in politica estera

Covid: finanziamenti a fondo perduto Veneto

Tutte le soluzioni per le aziende che operano nella Regione