martedì, Ottobre 27, 2020

In Evidenza

Istat, cresce il numero delle aziende che vendono online

Il commercio su internet vale 44 miliardi di euro

Whatsapp, le funzioni che, forse, non conosci

Strategie e segreti sull’utilizzo dell’applicazione di messaggistica più famosa al mondo

Cosa prevede il nuovo DPCM firmato dal premier Conte

Nuovi divieti in vigore dalla mezzanotte di domenica 25 ottobre

Calendario Economico della Settimana: 26 Ottobre-1 Novembre

Tutti i principali appuntamenti economici italiani e internazionali

Bodybuilding: Ronnie Coleman è il più grande?

L'atleta più vincente di sempre con ben 8 Mister Olympia supera la leggenda Schwarzenegger?

Ronnie Coleman è il più grande bodybuilder di ogni epoca? L’atleta più vincente di sempre con ben 8 Mister Olympia supera la leggenda Schwarzenegger? Gli appassionati di Bodybuilding sicuramente si divideranno su questa difficile scelta tra due grandissimi atleti che hanno spinto molte persone ad avvicinarsi alla pratica di questo sport. In questo articolo vogliamo soffermarci sulla carriera di Coleman costellata di tanti successi che, però, hanno avuto un prezzo da pagare.

Misure da Campione

Al di là del numero di vittorie che ha ottenuto nell’arco di una carriera lunga e piena di trionfi, è quasi obbligatorio indicare le cosiddette misure del fisico di Ronnie Coleman durante la sua carriera agonistica, che erano a dir poco incredibili, e fondamentali per un bodybuilder:

Altezza: 180 cm.  Peso: 135 kg (296 libbre) in competizione, 160 kg (330 libbre) fuori competizione. Braccio: 59 cm. Petto: 147 cm. Cosce: 87 cm.

Ma queste misure non sarebbero niente senza il tipo di condizione che riusciva a portare sul palco. I glutei striati di Ronnie sono qualcosa di assolutamente mai visto prima su un palco per una competizione di body-building a qualsiasi livello. Le foto di Ronnie Coleman di schiena sono qualcosa che fino al 1998 era soltanto nella matita di un fumettista. Dalla sua schiena escono montagne di muscoli rotonde, separate da solchi profondi. Un tronco a V impareggiabile, qualcosa a cui chi si avvicina al mondo della palestra può solo aspirare. E per raggiungere tali vette di sviluppo fisico Ronnie ha affrontato l’allenamento, la dieta e lo stile di vita di un bodybuilder in modo selvaggio. Selvaggio come il suo stile di allenamento.

Ronnie Coleman e l’allenamento incredibile

Se ancora non lo avete fatto, andate su YouTube e cercate  “Ronnie Coleman workout” o “Ronnie Coleman allenamento”. Sicuramente troverete 2 dei più famosi video che vi presentano lo stile hardcore di allenamento di Ronnie Coleman ”The Unbelievable” e “The Cost of Redemption”. In particolare le scene più famose sono Ronnie Coleman che si allena con lo squat (piegamenti sulle gambe) da 800 libbre (circa 365 Kg) e fa stacchi da terra con un bilanciere che è sul punto di spezzarsi a metà. Il tutto a poche settimane dal Mr. Olympia, senza paura di infortuni.

Uno stile che per i puristi della forma è criticabile: pesi sbattuti a terra, movimenti alcune volte troppo veloci. Ma chi può criticare uno stile che ha portato a risultati così inarrivabili. E’ forse l’esempio del fatto che per ogni fisico c’è il suo allenamento e che non esiste in fondo un solo e unico tipo di allenamento che permette di far crescere e sviluppare il corpo di chiunque. Inconfondibile poi il proprio motto automotivazionale “Light weight baby” che precede e segue ogni serie di sollevamento di carichi impossibili.

Ronnie Coleman vs Arnold Schwarzenegger

Spesso il dibattito su chi sia il più grande culturista di tutti i tempi si tramuta in una discussione che potremmo intitolare “Ronnie Coleman Vs Arnold Schwarzenegger“. E’ un po’ come sentire la classica discussione su chi sia stato più forte Pelé o Maradona. Entrambi questi campioni hanno dato tantissimo al mondo del body-building.

Arnold rappresenta l’ingresso nel mondo moderno di quella che era una sottocultura quasi sconosciuta ai più. Ha il merito indiscutibile di aver fatto conoscere a masse di persone il mondo dei pesi, della palestra, della dedizione che serve per costruire un fisico forte e muscolare. E’ il primo ad avere presa sul mondo delle persone “normali” e non solo su quelli che già amano lo stile di vita del fitness e del bodybuilding.

Ronnie è invece espressione di un nuovo mondo, di una nuova era che è forse una seconda golden era del bodybuilding. E’ il principe della massa. E’ colui che incarna l’impossibile, l’estremo irraggiungibile per quasi tutti.

Ronnie Coleman oggi

Oggi Ronnie Coleman è alle prese con una continua convalescenza e ripresa da interventi chirurgici alla schiena. Innegabile che il suo stile di allenamento abbia alla fine influenzato il corso della sua vita. Carichi enormi hanno portato ad infortuni seri alla spina dorsale e alle anche. Oggi due protesi alle anche e un gran numero di viti tengono insieme la schiena del campione di Arlington in Texas.

La passione per i pesi e per l’allenamento sono però intatte. Su base quotidiana posta video sul suo canale YouTube (o sul canale ufficiale Instagram) del suo allenamento per fare vedere in che modo cerca di rimettere in forma il suo ancor muscoloso corpo. Ad oltre 50 anni rimane un esempio di motivazione per cercare di raggiungere i propri obiettivi nella vita.

Il miglior bodybuilder di ogni epoca

Non sarà certo questo articolo ad affermare chi sia il miglior culturista di ogni epoca. Ognuno avrà le proprie ragioni per dire Arnold, Ronnie o Lee Haney o perché no… Phil Heath. Sicuramente ognuno di questi atleti ha dato qualcosa di nuovo e di importante al mondo del bodybuilding e per questo devono essere elogiati.  

Ultimi Articoli

Istat, cresce il numero delle aziende che vendono online

Il commercio su internet vale 44 miliardi di euro

Whatsapp, le funzioni che, forse, non conosci

Strategie e segreti sull’utilizzo dell’applicazione di messaggistica più famosa al mondo

Cosa prevede il nuovo DPCM firmato dal premier Conte

Nuovi divieti in vigore dalla mezzanotte di domenica 25 ottobre

Calendario Economico della Settimana: 26 Ottobre-1 Novembre

Tutti i principali appuntamenti economici italiani e internazionali

Nella Moda italiana lavorano 472mila addetti, prima in UE

Confartigianato: Gli investimenti raggiungono gli 1,1 miliardi l'anno, traineranno la ripresa