martedì, Novembre 24, 2020

In Evidenza

Censis: con la crisi ci sono 600mila nuovi poveri

Più di un italiano su 2 ha paura di restare senza fonti di reddito

Competitività aziende, crescono fatturato e numero di addetti

Nel 2018 il fatturato cresce del 3,8% in Italia e del 3,3% all’estero

Covid: in ottobre denunciati all’Inail 12mila contagi sul lavoro

Il nuovo report elaborato dall’Istituto conferma la recrudescenza della seconda ondata

Biden ha scelto Anthony Blinken come Segretario di Stato

A lui il compito di rilanciare il ruolo degli Stati Uniti in politica estera

In Italia 4,9 milioni di auto elettriche entro dieci anni

Intanto però a ottobre l'intero settore dell'auto torna in negativo

L’Italia è il fanalino di coda in Europa per il numero di auto elettriche e ibride in circolazione (si supera di poco l’1%), ma il mercato sta crescendo rapidamente, e nell’arco di dieci anni nel Belpaese ci saranno 4,9 milioni di veicoli a batteria (ovvero, quasi 4 milioni di auto elettriche pure, e un milione di ibride plug-in). È quanto mette in evidenza il report “Il futuro della mobilità elettrica: l’infrastruttura di ricarica in Italia @2030” presentato da Motus-E (associazione che raggruppa tutti gli operatori, aziende ed enti di ricerca impegnati nello sviluppo della mobilità a zero emissioni) nel corso di un seminario online.

Le auto a batteria in Italia sono ancora una rarità, in totale ne circolano poco più di mezzo milione (sono l’1,3% delle 39,2 milioni di auto circolano sulle nostre strade), ma il settore è in forte espansione, sta crescendo infatti a un ritmo del 118%, già quest’anno ad esempio verranno immatricolate 95mila vetture.

Il dato è ancora più importante se si considera la profonda crisi che sta attraversando il mercato italiano delle auto: agosto e settembre infatti sono gli unici mesi che – grazie agli incentivi per la rottamazione – hanno registrato una crescita rispetto ai livelli del 2019. Ottobre però torna in negativo: segna una flessione del 0,18%, le nuove auto immatricolate si fermano a 156.981. Nei dieci mesi, il 2020 registra una contrazione del 30,9% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, le auto immatricolate 1.122.998, oltre mezzo milione in meno del 2019 (1.625.500).

La crescita viene però fortemente rallentata da una serie di fattori, primo fra tutti la scarsa diffusione delle colonnine di ricarica. Al momento ci sono circa 8.500 colonnine, la quasi totalità almeno ha due spine, di conseguenza in totale si contano circa 16.700 punti di rifornimento. La quasi totalità delle postazioni (il 95% secondo le stime) è però a carica lenta, non supera infatti i 43 kilowatt. Le colonnine di ricarica a alta e altissima potenza (quelle che superano i 100 kilowatt) sono pochissime, e soprattutto sulle strade extraurbane e autostrade rappresentano un’assoluta rarità. Secondo Motus-E servirebbero dalle 95mila alle 130mila postazioni ( tra pubbliche, private e miste, quelle su suolo privato, ma a disposizione di tutti) e chiaramente dovrebbero essere distribuite in modo uniforme in tutto il Paese.

Per arrivare a questo obiettivo, tuttavia, bisogna prima di tutto risolvere una serie di problematiche: non ci sono infatti solamente le complesse procedure burocratiche per installare le colonnine, ma anche la difficoltà per gli operatori privati per accedere ai fondi statali, i costi delle ricariche ancora troppo elevati, e la mancanza di spazi per la sosta e la ricarica delle auto.

C’è poi il problema del costo delle auto elettriche. L’81% dei veicoli elettrici offerti sul mercato è di fascia medio-alta, ha un prezzo che va dai 20mila agli 80milla euro. Le auto di fascia bassa – con un prezzo tra i 10mila e i 20mila euro, che nel caso dei motori tradizionali sono le più vendute – non viene completamente coperta dall’offerta.

Ultimi Articoli

Censis: con la crisi ci sono 600mila nuovi poveri

Più di un italiano su 2 ha paura di restare senza fonti di reddito

Competitività aziende, crescono fatturato e numero di addetti

Nel 2018 il fatturato cresce del 3,8% in Italia e del 3,3% all’estero

Covid: in ottobre denunciati all’Inail 12mila contagi sul lavoro

Il nuovo report elaborato dall’Istituto conferma la recrudescenza della seconda ondata

Biden ha scelto Anthony Blinken come Segretario di Stato

A lui il compito di rilanciare il ruolo degli Stati Uniti in politica estera

Covid: finanziamenti a fondo perduto Veneto

Tutte le soluzioni per le aziende che operano nella Regione