mercoledì, Gennaio 20, 2021

In Evidenza

Covid, gli aiuti previsti per le famiglie italiane

Le novità introdotte dalla nuova legge di bilancio

Imprenditori Italiani: La Storia di Brunello Cucinelli

La sua azienda oggi vanta una capitalizzazione di mercato di oltre 1,5 miliardi di dollari

Biogas, da RGS un cogeneratore per manutenzione impianti

L’azienda piacentina mette a punto una soluzione innovativa a sostegno delle imprese del settore

Confesercenti, il turismo è tornato ai livelli del 1969

Il crollo del settore ha penalizzato anche i consumi: in fumo oltre 50 miliardi di euro

Italia, ancora troppe poche donne manager: sono solo il 18%

A questi ritmi serviranno 60 anni per arrivare alla parità totale

L’Italia sembra ancora molto indietro quando si parla di parità tra uomo e donna, solo il 18% delle posizioni dirigenziali è infatti occupato da una donna. Anche se l’Italia sembra seguire un ritmo più sostenuto di altri Paesi nel percorso che porta alla parità (la Penisola è 14esima tra gli Stati UE), i progressi ottenuti finora sono ancora molto contenuti: nell’arco di dieci anni la crescita è stata di appena lo 0,3% e di questo passo saranno necessari più di 60 anni per arrivare a una piena uguaglianza. E’ quanto emerge da un report curato dall’Osservatorio mercato del Lavoro e competenze manageriali di 4.Manager. A complicare le cose c’è anche il fatto che solo un quarto degli italiani giudichi fondamentale la parità di genere sui luoghi di lavoro, la media europea è del 54%, e in Spagna e in Svezia si registrano picchi del 72 e dell’84%.

Bisogna sottolineare che l’Italia ha compiuto enormi passi in termini di occupazione femminile, il tasso è cresciuto di 16 punti tra il 1977 e il 2018, passando dal 33,5 al 49,5. Ma è ancora ultima tra i partner europei per il tasso di occupazione a tempo pieno, si ferma infatti al 31%, contro una media europea del 41. In testa alla classifica la Svezia che svetta a quota 59%. Il Belpaese oltretutto mostra delle marcate differenze regionali: nel Sud il tasso di occupazione femminile si ferma al 32%, nel Nord arriva al 60%. Almeno per quanto riguarda i CdA delle società quotate e delle controllate pubbliche, la legge Golfo-Mosca del 2011 sembra aver prodotto buoni risultati. Sono ancora pochissime tuttavia le imprese che hanno scelto delle donne come Amministratore Delegato o Presidente, o per gli altri incarichi a elevata responsabilità.

L’Osservatorio inoltre mette in luce ulteriori differenze di trattamento. La prima è purtroppo legata alla maternità: nei due anni successivi al parto il 35% delle donne perde il reddito, un altro 10% lo perde poi negli anni successivi. Inoltre emerge che le donne siano meno presenti nei settori a maggiore remunerazione, come ad esempio tecnologia, finanza o ingegneria. Solo il 10% delle dipendenti poi, nel 2019, ha partecipato a dei corsi di formazione per migliorare le proprie competenze digitali (anche in questo caso l’Italia è agli ultimi posti in Europa, dove la media raggiunge il 18%); solo il 19% delle donne poi ha competenze digitali superiori a quelle di base, contro il 25% degli uomini (nel resto d’Europa le medie sono rispettivamente del 31 e del 36%).

La crisi innescata dal Covid – conclude la ricerca – rischia di aumentare ancora di più questo divario: per le donne il tasso di fuoriuscita dal lavoro è 1,8 volte quello degli uomini. Ma può anche tramutarsi in un’opportunità, visto che la crisi potrebbe diventare l’occasione per valorizzare il talento delle donne.

Ultimi Articoli

Covid, gli aiuti previsti per le famiglie italiane

Le novità introdotte dalla nuova legge di bilancio

Imprenditori Italiani: La Storia di Brunello Cucinelli

La sua azienda oggi vanta una capitalizzazione di mercato di oltre 1,5 miliardi di dollari

Biogas, da RGS un cogeneratore per manutenzione impianti

L’azienda piacentina mette a punto una soluzione innovativa a sostegno delle imprese del settore

Confesercenti, il turismo è tornato ai livelli del 1969

Il crollo del settore ha penalizzato anche i consumi: in fumo oltre 50 miliardi di euro

Natale, boom delle vendite alimentari: +20%

A trainare è in particolare il settore del pesce e dei vini.