mercoledì, Gennaio 20, 2021

In Evidenza

Covid, gli aiuti previsti per le famiglie italiane

Le novità introdotte dalla nuova legge di bilancio

Imprenditori Italiani: La Storia di Brunello Cucinelli

La sua azienda oggi vanta una capitalizzazione di mercato di oltre 1,5 miliardi di dollari

Biogas, da RGS un cogeneratore per manutenzione impianti

L’azienda piacentina mette a punto una soluzione innovativa a sostegno delle imprese del settore

Confesercenti, il turismo è tornato ai livelli del 1969

Il crollo del settore ha penalizzato anche i consumi: in fumo oltre 50 miliardi di euro

L’Antitrust multa Apple per pubblicità ingannevole

IPhone definiti water resistant, ma lo erano solo nei test di laboratorio

L’Antitrust italiana sanziona nuovamente la Apple per 10 milioni di euro, ha pubbliczzato in maniera ingannevole le doti di resistenza all’acqua di una serie di telefoni. Al centro della vicenda ci sono gli iPhone 8, iPhone 8 Plus, iPhone XR, iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone 11, iPhone 11pro e iPhone 11 pro Max , la compagnia di Cuperitino asseriva che – a seconda dei modelli – fossero in grado di restitere a una profondità tra gli 1 e i 4 metri, e per un periodo anche di 30 minuti. La compagnia però – secondo l’Autorithy – nella pubblicità non ha chiarito a dovere che i telefoni hanno raggiunto questi livelli non nelle normali condizioni in cui verrebbero utilizzati da un qualunque consumatore, ma solo durante i test di laboratorio grazie all’utilizzo di acqua statica e pura.

Inoltre, visti i toni enfatici delle pubblicità, appare ingannevole anche il disclaimer “La garanzia non copre i danni provocati da liquidi”. Per il Garante della Concorrenza e del Mercato infatti sarebbe stato necessario chiarire se la garanzia in questione fosse quella convenzionale o quella legale, e occorreva contestualizzare in maniera adeguata le condizioni e le limitazioni dei claim che al contrario definivano i device come water resistant.

Infine, il Garante ha ritenuto una pratica commerciale aggressiva il rifiuto da parte di Apple di fornire assistenza in garanzia ai clienti che portavano cellulari danneggiati dall’acqua o da altri liquidi, dal momento che così facendo ha violato dei diritti riconosciuti dal Codice del Consumo. Già nel 2018 il Garante aveva comminato una sanzione alla Apple – sempre da 10 milioni di euro – per aver indotto gli utenti a istallare sugli iPhone6 un nuovo sistema operativo che l’hardware non era in grado di supportare; il telefono così diventava inutilizzabile.

Ultimi Articoli

Covid, gli aiuti previsti per le famiglie italiane

Le novità introdotte dalla nuova legge di bilancio

Imprenditori Italiani: La Storia di Brunello Cucinelli

La sua azienda oggi vanta una capitalizzazione di mercato di oltre 1,5 miliardi di dollari

Biogas, da RGS un cogeneratore per manutenzione impianti

L’azienda piacentina mette a punto una soluzione innovativa a sostegno delle imprese del settore

Confesercenti, il turismo è tornato ai livelli del 1969

Il crollo del settore ha penalizzato anche i consumi: in fumo oltre 50 miliardi di euro

Natale, boom delle vendite alimentari: +20%

A trainare è in particolare il settore del pesce e dei vini.