martedì, Novembre 24, 2020

In Evidenza

Censis: con la crisi ci sono 600mila nuovi poveri

Più di un italiano su 2 ha paura di restare senza fonti di reddito

Competitività aziende, crescono fatturato e numero di addetti

Nel 2018 il fatturato cresce del 3,8% in Italia e del 3,3% all’estero

Covid: in ottobre denunciati all’Inail 12mila contagi sul lavoro

Il nuovo report elaborato dall’Istituto conferma la recrudescenza della seconda ondata

Biden ha scelto Anthony Blinken come Segretario di Stato

A lui il compito di rilanciare il ruolo degli Stati Uniti in politica estera

LIFEdata.ai, la startup dell’AI “chiavi in mano” per le PMI

Con la sola voce si possono aprire siti, app e software

Il vasto panorama delle startup innovative italiane si è arricchito negli ultimi anni di una nuova realtà che sfrutta le grandi potenzialità dell’Intelligenza Artificiale Voice. Si tratta di LIFEdata.ai, la startup che proprio nel mese di ottobre 2020 ha lanciato un round da un milione di euro da raccogliere attraverso equity crowdfunding su BackToWork, sulla scorta di una valutazione pre-money dalla considerevole cifra di 6,34 milioni. Un obiettivo ambizioso ma anche realistico tenuto conto che la stessa startup aveva precedentemente chiuso una campagna di equity crowdfunding (su CrowdFundMe) raccogliendo la cifra di 415 mila euro su un target che oscillava tra 100 mila e 500 mila euro (la valutazione pre-money era di 4,8 milioni di euro). Grazie ad un sapiente impiego dell’Intelligenza Artificiale, LIFEdata è in grado di offrire servizi di elevata qualità volti a semplificare l’omnicanalità dei processi. Basta la semplice voce per mettere in funzione siti, app e software consentendo agli utenti di poter comunicare tempestivamente e in modo assolutamente confortevole con aziende su web, app di messaggistica, Amazon Alexa, Google Assistant bypassando i call center.

La piattaforma di Intelligenza Artificiale No Code per Omnichannel di LIFEdata è stata strutturata per rendere più veloce la trasformazione digitale delle aziende grazie all’impiego di soluzioni avanzate e costruite grazie all’uso dell’Intelligenza Artificiale. Si tratta di soluzioni pronte all’uso che non necessitano di sviluppi software dedicati e che non richiedono particolari competenze o particolari strumenti per sfruttarne appieno le potenzialità e le tecnologie. Non è un caso che aziende di elevato spessore internazionale come Janssen, Johnson & Johnson, Banca Mediolanum, Ceetrus, Eolo e Ventis abbiano già deciso di utilizzare i servizi forniti da LIFEdata.ai.

Le prospettive di crescita

Col nuovo round da un milione di euro, la startup italiana punta a raccogliere fondi da investire per rafforzare e velocizzare il piano di sviluppo tecnologico, migliorando la propria offerta soprattutto in vista del boom dello smart working che consentirà di poter acquisire nuovi clienti, anticipando altresì l’internazionalizzazione del brand. La liquidità servirà anche per rafforzare la qualità e la quantità del team tecnico e commerciale e per depositare nuovi brevetti che gli consentiranno di avvantaggiarsi rispetto alla concorrenza. LIFEdata.ai sta lavorando alacremente anche allo sviluppo di innovativi sistemi di gestione della produttività per smart working.

La campagna di investimento aperta ufficialmente al pubblico ad ottobre, darà all’azienda l’opportunità di accelerare sul piano dei progressi tecnologici, in particolare il rilascio di soluzioni avanzate per quanto concerne l’ambito dello smart working, grazie all’Intelligenza Artificiale No Code. Il fondatore di LIFEdata.ai, Omar Fogliadini, ha anche fondato un’altra startup di successo, LaClinique, in grado di dare uno slancio decisivo al settore della medicina e chirurgia estetica grazie ad un innovativo modello operativo digitale.

Ricavi da capogiro nel 2019

Intanto i ricavi di LIFEdata.ai hanno fatto segnare numeri da capogiro nei primi 9 mesi di attività del 2019, superando abbondantemente le stime contenute nel business plan. L’azienda è conseguita ricavi per oltre 366mila euro e un ebitda pari a 157mila euro. Se il 2019 è stato superlativo per le casse della startup, il 2020 è stato l’anno del consolidamento sul mercato e degli investimenti per ampliare la vasta gamma di servizi nonché l’industrializzazione del prodotto. Gli ordinativi relativi al quarto trimestre dell’anno in corso prevedranno una crescita dei ricavi importante dal 2021.

LIFEdata ha ricevuto finanziamenti da Invitalia venendo poi successivamente incubata da Luiss Enlabs. Nel mese di luglio è stata una delle tre aziende che ha vinto la call per startup Ceetrus 4 Innovations. Un riconoscimento importante a suggello di un business in rapida crescita e di grandi prospettive che puntano a proiettare questa startup fra le aziende più importanti del settore anche in ambito internazionale.

Ultimi Articoli

Censis: con la crisi ci sono 600mila nuovi poveri

Più di un italiano su 2 ha paura di restare senza fonti di reddito

Competitività aziende, crescono fatturato e numero di addetti

Nel 2018 il fatturato cresce del 3,8% in Italia e del 3,3% all’estero

Covid: in ottobre denunciati all’Inail 12mila contagi sul lavoro

Il nuovo report elaborato dall’Istituto conferma la recrudescenza della seconda ondata

Biden ha scelto Anthony Blinken come Segretario di Stato

A lui il compito di rilanciare il ruolo degli Stati Uniti in politica estera

Covid: finanziamenti a fondo perduto Veneto

Tutte le soluzioni per le aziende che operano nella Regione