mercoledì, Gennaio 20, 2021

In Evidenza

Covid, gli aiuti previsti per le famiglie italiane

Le novità introdotte dalla nuova legge di bilancio

Imprenditori Italiani: La Storia di Brunello Cucinelli

La sua azienda oggi vanta una capitalizzazione di mercato di oltre 1,5 miliardi di dollari

Biogas, da RGS un cogeneratore per manutenzione impianti

L’azienda piacentina mette a punto una soluzione innovativa a sostegno delle imprese del settore

Confesercenti, il turismo è tornato ai livelli del 1969

Il crollo del settore ha penalizzato anche i consumi: in fumo oltre 50 miliardi di euro

Sassicaia: la storia di un grande vino

Il primo vino rosso bordolese di Bolgheri creato dal marchese Mario Incisa della Rocchetta e l'enologo Giacomo Tachis

Tutto ebbe inizio nella vecchia tenuta San Guido da una straordinaria intuizione del noto marchese Mario Incisa della Rocchetta, amante del buon vino che già all’età di 20 anni cullava il sogno di realizzare un vino dalla grande personalità seguendo il solco dei vini di Bordeaux. Imparentato con la stirpe degli Antinori, Incisa riuscì ad entrare in contatto con l’enologo Giacomo Tachis e insieme diedero vita alla produzione del primo vino rosso bordolese della storia di Bolgheri, dopo la scelta di piantare le talee di Cabernet Sauvignon e Cabernet Franco importati dalle tenute appartenute ai Duchi Salviati a Migliarino. Aveva intuito una straordinaria somiglianza con quella particolare zona di Livorno con le Tombe di Bordeaux, entrambe caratterizzate da un terreno prevalentemente ghiaioso favorevole alla produzione di grandi vini rossi.

Fino al 1967 questo vino fu sempre di proprietà privata e chi voleva sorseggiarlo doveva recarsi proprio nella tenuta di Incisa della Rocchetta. Nel 1968 il prodotto sbarcò sul mercato con la prima annata di Sassicaia, un vino che piacque molto all’esperto Gino Veronelli e che proprio in Italia ebbe un grande successo. Inizialmente venne classificato come un semplice e vago Vino da Tavola ma pochi anni dopo diventò un prodotto IGT e negli anni successivi divenne il fiore all’occhiello della Tenuta San Guido, Bolgheri. Così, uscito dall’anonimato, il Sassicaia divenne un perno della vite italiana, fino a quando nel 2013 i 75 ettari di vigneto costituirono una DOC riservata.

La produzione

Questo vino molto pregiato viene prodotto all’85% da uve Cabernet Sauvignon e 15% di uve Cabernet Franc raccolte a mano con cura poco prima della piena maturazione per preservare le caratteristiche organolettiche ma anche l’eleganza del Sassicaia. La vinificazione viene effettuata a 30 gradi o poco più per un periodo di due settimane in vasche d’acciaio. La fermentazione ha una durata che si aggira attorno ai 15 giorni circa poi il vino matura per due anni circa in barriques di rovere francese. Terminata questa fase il vino finisce sul mercato. Questo vino oggi è uno degli emblemi dell’eccellenza italiana nel variegato panorama enologico mondiale.

Proprio due anni fa, questo vino pregiato ha festeggiato i 50 anni di vita ed oggi viene apprezzato e stimato come il vino italiano più famoso tra i vari intenditori e critici di tutto il mondo. I paragoni si sono sprecati tra gli esperti e non pochi lo hanno accostato al Premier Cru di Bordeaux. In determinate annate questo vino ha toccato i suoi vertici. Indimenticabili sono state le produzioni 1978 e 1985, oggi quelle che sono rimaste scolpite nella memoria degli enologi più illustri. Altre annate famose furono il 1988, il 1990, il 1995, il 1997, il 2004, il 2009 e poi i tre anni consecutivi dal 2011 al 2013. Uno dei picchi più assoluti si toccò poi nel 2015.

Le caratteristiche organolettiche del vino

Il Sassicaia è un prodotto dal profilo elegante che al gusto si può apprezzare per la presenza di aromi fragranti di frutti di bosco e sentori balsamici. Bocca armoniosa, sostenuta da un’ottima acidità e da un finale lungo ed equilibrato. Si presenta alla vista di un colore rosso rubino intenso con sfumature di granato. Il suo profumo è maestoso ed elegante mentre il sapore è secco, massiccio e di buona struttura. Si abbina meravigliosamente ai sapori decisi di piatti di selvaggina e di alcuni formaggi stagionati e si rivela ottimo in compagnia di noci e funghi porcini.

Bolgheri Sassicaia Doc 2017 Tenuta San Guido

Questo vino ha avuto i natali nella splendida cornice della Maremma Toscana. Realizzato con un mix di uve Cabernet Sauvignon e uve Cabernet Franc raccolte fra il mese di settembre e i primi giorni di ottobre. Il processo di vinificazione viene effettuato a 30-31 ° C. Per 15 giorni le uve vengono macerate sulle bucce con rimontaggi frequenti e disaffinamento. Poi per 24 mesi viene completato il processo di maturazione che viene successivamente affinato in vetro prima di essere immesso sul mercato. Fra le caratteristiche di questo vino spicca la ricca speziatura e le sensazioni di cioccolato e vaniglia. Il vino viene apprezzato in tutto il mondo per la sua eleganza e per i suoi tannini morbidi e fini.

Ultimi Articoli

Covid, gli aiuti previsti per le famiglie italiane

Le novità introdotte dalla nuova legge di bilancio

Imprenditori Italiani: La Storia di Brunello Cucinelli

La sua azienda oggi vanta una capitalizzazione di mercato di oltre 1,5 miliardi di dollari

Biogas, da RGS un cogeneratore per manutenzione impianti

L’azienda piacentina mette a punto una soluzione innovativa a sostegno delle imprese del settore

Confesercenti, il turismo è tornato ai livelli del 1969

Il crollo del settore ha penalizzato anche i consumi: in fumo oltre 50 miliardi di euro

Natale, boom delle vendite alimentari: +20%

A trainare è in particolare il settore del pesce e dei vini.